Riduci dimensione testo Aumenta dimensione testo

Indice Fiups (Federimmobiliare Università di Parma Sorgente Group)

Feder immobiliareSorgente Goup

Sentiment Immobiliare e Fiups del III quadrimestre 2015: 
gli operatori pensano positivo, nuove chance dagli strumenti di finanza immobiliare

 

L’atteggiamento degli operatori rispetto al settore immobiliare rimane stabile nel breve termine ma con tendenza all’ottimismo in prospettiva. Case e negozi guidano la ripresa, con prezzi in aumento. Continua a soffrire la parte industriale. Roma e Milano confermano la loro vocazione commerciale verso alberghi e uffici. Risveglio degli hotel anche a Venezia. Il 2016 potrebbe essere l’anno giusto per lo sviluppo delle SIIQ e per l’avvio di attività “massiva” di cessione degli NPL.
Grafico fiups

Roma, 1 Marzo 2016.  Le rilevazioni del Sentiment del mercato immobiliare” nel III quadrimestre 2015, indicano il consolidamento delle aspettative positive rilevate durante il 2015 creando, dunque, le condizioni per una maggiore stabilità nell’intero mercato. E’ questo il responso degli operatori del settore immobiliare derivante dalle risposte fornite al questionario.

L’indagine, elaborata su base quadrimestrale dall’Università di Parma, in collaborazione con Sorgente Group e Federimmobiliare, si basa su interviste rivolte a una platea di circa duecento operatori del mercato immobiliare, appartenenti ai settori del tradingdevelopmentpropertyfacility, progettazione, valutazione, consulenza, finanza. Nata da un’idea del Prof. Valter Mainetti, amministratore delegato di Sorgente Group, la ricerca è condotta da Claudio Cacciamani, docente dell’Università di Parma.

Emergono dunque chiari segnali di un consolidamento della ripresa in atto nel settore - seppur con un rallentamento del tasso di crescita - dall’Indice Fiups, acronimo di Federimmobiliare, Università degli Studi di Parma e Sorgente Group Spa, che rappresenta sinteticamente l’evoluzione del Sentiment degli operatori. Il Fiups nel corso del 2015 è passato infatti dai 19,50dell’ultimo quadrimestre 2014 ai 19,74 dell’ultimo quadrimestre del 2015, confermando il
senso di diffuso ottimismo sulle prospettive del Paese.

Andamento dell’economia e del settore immobiliare. La percezione che l’economia nazionale abbia conseguito nell’ultimo anno un sensibile miglioramento emerge già nella prima parte della ricerca, con un 48,39% delle preferenze rispetto al 27,45% registrato all’inizio dell’anno, mentre circa il 69,35 % degli intervistati (il dato all’inizio dell’anno era pari al 32,50%) ha espresso la propria fiducia per un ulteriore miglioramento del contesto economico generale nei prossimi 12 mesi. A conferma di quanto sopra, gli operatori del settore immobiliare, oltre ad aver dichiarato di non volere procedere a modifiche di rilievo nella consistenza del personale, hanno espresso la propria propensione ad attuare una crescita degli investimenti in nuovi business (37,04%) e nei social network (12,96%).

I prezzi e i tempi di vendita. I comparti residenziale e commerciale guidano la ripresa, con prezzi in lieve crescita e tempi di compravendita in diminuzione, mentre si rileva un consolidato trenddi stabilità per uffici e alberghi (69,35% e 68,33%). Contrariamente alle rilevazioni su prezzi e tempi di compravendita, il dato relativo allo sconto medio praticato mostra una spaccatura del campione fra chi si attende una percentuale di sconto elevata, specie nei settori residenziale e uffici, e chi prevede bassi sconti, specie nei settori commerciale, industriale e alberghiero.

Opportunità in Italia: effetto Giubileo. Rispetto al passato, si continua ad allargare il divario tra le migliori opportunità di investimento nel settore immobiliare che vengono percepite provenire dal Nord Italia rispetto a quelle del Sud e delle Isole. Il Nord-Ovest sembra presentare le migliori aspettative per i segmenti di mercato residenziali, industriale e degli uffici, mentre il centro prevale esclusivamente nel comparto alberghiero, probabilmente grazie alle aspettative legate a Roma per il Giubileo. Estendendo l’analisi alle maggiori città italiane si conferma Milano la città con le potenzialità maggiori in tutti i segmenti di mercato, seguita da Roma, e da Genova esclusivamente nel settore industriale; il Capoluogo lombardo cede il passo alle classiche città d’arte Roma, Venezia e Firenze nel settore alberghiero. Inoltre, la ripresa del settore immobiliare potrebbe essere favorita anche dagli effetti benefici delle misure della Banca Centrale Europea sul credito bancario, che dovrebbe favorire una crescita nell’erogazione dei prestiti.

La congiuntura sul comparto finanziario. In tema di finanza immobiliare, gli operatori del panel si dimostrano più positivi circa le prospettive di sviluppo a breve delle SIIQ (Società Immobiliari d’Investimento Quotate) in Italia. Proprio queste ultime, assieme ai Fondi immobiliari, dovrebbero contribuire a migliorare la liquidità del mercato immobiliare, attraendo capitali dall’Estero nonché dai mercati finanziari.

Allo stesso modo, gli operatori intervistati vedono nell’avvio di un efficiente mercato degli NPL (Non performing loans) uno strumento utile ed efficace per potere consentire alle banche di alleggerire i propri bilanci, procedendo sulla via di nuove erogazioni di crediti.

Il Sentiment è una rilevazione dal profilo qualitativo, finalizzata a individuare le aspettative espresse dalle varie filiere dell’industria immobiliare nei 12 mesi a seguire. Una proiezione del mercato nel Sentiment dei suoi principali attori, un panel di circa 200 operatori del mercato immobiliare. Insieme al Sentiment immobiliare è nato l’indice Fiups, acronimo di Federimmobiliare, Università degli Studi di Parma e Sorgente Group Spa. Realizzato da Sorgente Group, L’indice Fiups è la graficizzazione del Sentiment immobiliare, una valutazione che intende misurare le aspettative degli operatori del settore immobiliare, su base quadrimestrale. Le risposte fornite a 14 tra le principali domande che compongono il questionario sul Sentiment immobiliare, rappresentano la base per il calcolo dell'indice. Alla rilevazione hanno risposto operatori appartenenti ai seguenti principali settori: trading, development, property, facility, progettazione, valutazione, consulenza, finanza immobiliare, oltre a numerosi professionisti specializzati nel comparto (ingegneri, architetti, geometri, notai). Coordinatore scientifico del progetto è il Professor Claudio Cacciamani, affiancato dalla professoressa Federica Ielasi, mentre attuale coordinatrice operativa è la dottoressaSonia Peron del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Parma.
 

Contatti per Sorgente Group:

Ilaria Fasano

Direttore Arte e Comunicazione Sorgente Group, i.fasano@sorgentegroup.com - Tel. 06 -90219014 - 339-6409259

Onelia Onorati

Ufficio Stampa Sorgente Group, o.onorati@sorgentegroup.com - Tel 06-90219019 – 349-7839292

Beatrice Forti

Ufficio Stampa Sorgente Group, b.forti@sorgentegroup.com - Tel 06-90219012 – 345-2485682

 

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Terzo Quadrimestre 2015

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Secondo Quadrimestre 2015

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Primo Quadrimestre 2015

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Terzo Quadrimestre 2014

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Secondo Quadrimestre 2014

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Primo Quadrimestre 2014

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Terzo Quadrimestre 2013

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Secondo Quadrimestre 2013

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Primo Quadrimestre 2013

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Terzo Quadrimestre 2012

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Secondo Quadrimestre 2012

Il sentiment del mercato immobiliare e l’Indice Fiups Primo Quadrimestre 2012

L’evoluzione dell’Indice Fiups nel 2011

News Dal Mondo

BarCampari